Per info e prenotazioni:

Associazione Vitruvio  329 3659446, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

ore 15.00

Urban rafting Reno (fiume Reno)

Ritrovo: Centro Sportivo Barca - Reno, via Raffaello Sanzio 6 (fermata autobus 36).

Contributo a persona: € 12,00 ridotto € 8,00 (per bambini sotto i 12 anni).
Avventura a km 0, suggestivo percorso di conoscenza di circa due chilometri, con navigazione in gommone sul fiume Reno e passeggiata naturalistica. Si esplorerà il tratto cittadino del corso d’acqua, con l’obiettivo di renderlo vivo e accessibile a tutti. Una volta giunti al punto di sbarco in gommone, il percorso di ritorno sarà effettuato a piedi con una guida che racconterà delle caratteristiche ambientali della zona del Reno.

ore 15.30

Onorina alla scoperta dell'acqua calda 

Ritrovo: ingresso Palazzo Pepoli, via Castiglione 8.

Contributo a persona: € 10,00 biglietto intero + € 5,00 ingresso al Museo della Storia di Bologna; biglietto ridotto per la visita-spettacolo € 8,00 (per bambini sotto i 12 anni).

Itinerario guidato attraverso le sale dell'affascinante Museo della Storia di Bologna a Palazzo Pepoli, fiore all'occchiello di Genus Bononiae, per conoscere la vita della città con il personaggio teatrale della zdàura Onorina Pirazzoli, seguita e supportata dalla guida regionale e biologo Francesco Nigro. Il tema portante della visita-spettacolo sarà un'originale lettura storica incentrata sulle acque bolognesi:  Onorina seguirà il flusso dei suoi ricordi e degli avvenimenti  passati seguendo vicende di navigazioni, commerci, lavori sulle rive dei canali alla ricerca dell'acqua calda: le antiche fonti termali. 

ore 16.00

A Bologna si sguazza (via Malcontenti, via Capodilucca, via Irnerio) 

Ritrovoritrovo delle ore 18.00 è in via Augusto Righi - angolo via Piella


Contributo a persona: € 12,00 spettacolo, ridotto € 8,00 (per bambini sotto i 12 anni).. Sarà possibile terminare alle Terme di San Petronio con il seguente pacchetto: € 20,00 Spettacolo + Terme (anziché € 27,00)

Visita spettacolo che racconta lo strano, costante, misterioso legame tra la Donna e l’Acqua: Bologna scoperta attraverso le vite delle lavandaie, delle operaie negli opifici, delle allevatrici di bachi da seta. Partendo da Via Augusto Righi angolo Malcontenti, seguiremo un percorso ormai dimenticato, ma estremamente suggestivo, senza tralasciare il divertimento; saranno i personaggi teatrali del Prof. Leporello (Eugenio Maria Bortolini) e del suo immancabile assistente Faldoni (Gabriele Baldoni), guide sui generis, che ci condurranno, come risalendo un flusso temporale, in un passato non troppo lontano fatto di aneddoti, racconti, superstizioni, leggende ed accurate ricerche storiche in un'arguta visione di questa realtà fluida che scorre da sempre sotto la nostra città, per una dimensione bolognese del tutto nuova e particolare.

ore 17.00 

Bici tour - Raccontando Bologna città d'acqua (Serraglio dell'Aposa, centro storico, Sostegno del Battiferro)

Ritrovo: Serraglio del torrente Aposa, via Rubbiani angolo viale Panzacchi

Contributo a persona: € 7,00
Il percorso, con bici propria, tocca i punti più caratteristici della storia delle acque bolognesi, dove ancora si può vedere quanto altrimenti solo immaginabile. Ascolteremo il racconto di quando Bologna grazie all'acqua era una una grande potenza economica, dei suoi segreti, delle sue debolezze. L'itinerario proseguirà poi lungo le sponde del Canale Navile, che collegava Bologna al mare. Si terminerà con un brindisi al Sostegno del Battiferro, (via della Beverara 123/a, vicino al Museo del Patrimonio Industriale) immersi nel verde che custodisce lo scorrere del canale Navile.

ore 17.00

Bici tour Navile (Parco della Ca' Bura, Sostegni del canale Navile, Sostegno del Battiferro)

Ritrovo:  Parco dei Giardini (Parco Cà Bura) ingresso via Arcoveggio.
Contributo a persona: € 7,00 
Percorso storico-naturalistico guidato con bici propria alla scoperta della zona del canale Navile, in compagnia di un esperto dei luoghi. Il tour, della durata di circa due ore, prevede diverse soste per ammirare l'architettura di un paesaggio in continuo mutamento, toccando i sostegni sul canale Navile, le strutture che per secoli hanno consentito la navigazione.  Si terminerà con un brindisi al Sostegno del Battiferro, immersi nel verde che custodisce lo scorrere del canale Navile.

ore 18.00

A Bologna si sguazza (via Malcontenti, via Capodilucca, via Irnerio)

Ritrovo: via Augusto Righi angolo Malcontenti
Contributo a persona: € 12,00 spettacolo, ridotto € 8,00 (per bambini sotto i 12 anni).. Sarà possibile terminare alle Terme di San Petronio con il seguente pacchetto: € 20,00 Spettacolo + Terme (anziché € 27,00)

Visita spettacolo che racconta lo strano, costante, misterioso legame tra la Donna e l’Acqua: Bologna scoperta attraverso le vite delle lavandaie, delle operaie negli opifici, delle allevatrici di bachi da seta. Partendo da Via Augusto Righi angolo Malcontenti, seguiremo un percorso ormai dimenticato, ma estremamente suggestivo, senza tralasciare il divertimento; saranno i personaggi teatrali del Prof. Leporello (Eugenio Maria Bortolini) e del suo immancabile assistente Faldoni (Gabriele Baldoni), guide sui generis, che ci condurranno, come risalendo un flusso temporale, in un passato non troppo lontano fatto di aneddoti, racconti, superstizioni, leggende ed accurate ricerche storiche in un'arguta visione di questa realtà fluida che scorre da sempre sotto la nostra città, per una dimensione bolognese del tutto nuova e particolare.

ore 18.00

Visita guidata al Sostegno del Battiferro e alla mostra fotografica sui sostegni del Navile (Sostegno del Battiferro)

Ritrovo: Battiferro, via della Beverara 123/a (vicino al Museo del Patrimonio Industriale, con ampio parcheggio gratuito)
Ingresso gratuito, consumazione obbligatoria

L'isola galleggiante del Battiferro ospita una mostra fotografica che racconta la “Storia dei Sostegni del Navile” con immagini preziose recuperate negli anni dall’esperto di storia del Navile e collezionista Stefano Gardini. I sostegni sono stati degli importanti sistemi idraulici, che consentivano alle imbarcazioni provenienti dal mare di superare i grandi dislivelli sul Canale Navile e giungere fino a Bologna. Durante la visita al Sostegno del Battiferro si farà riferimento anche allo stabilimento idroelettrico nel quale è stata demolita recentemente la ciminiera. Visita adatta a quanti volessero conoscere la storia della navigazione bolognese.

ore 18.00

Urban rafting Reno (fiume Reno)

Ritrovo: Centro Sportivo Barca - Reno, via Raffaello Sanzio 6 (fermata autobus 36).

Contributo a persona: € 12,00 ridotto € 8,00 (per bambini sotto i 12 anni).
Suggestivo percorso di conoscenza di circa due chilometri, con navigazione in gommone sul fiume Reno e passeggiata naturalistica. Si esplorerà il tratto cittadino del corso d’acqua, con l’obiettivo di renderlo vivo e accessibile a tutti. Una volta giunti al punto di sbarco in gommone, il percorso di ritorno sarà effettuato a piedi con una guida che racconterà delle caratteristiche ambientali della zona del Reno.

ore 19.00

Dammi il tiro dalla torre (Piazzetta Biagi, palazzo della Mercanzia)

Ritrovo: Piazzetta Marco Biagi, angolo via dell'Inferno.
Contributo a persona: € 12,00 ridotto € 8,00 (per bambini sotto i 12 anni).
La zdàura Onorina Pirazzoli, insieme ad una nostra guida, invita il pubblico a prendere parte a un viaggio ideale nella storia popolare di Bologna. La visita-spettacolo itinerante prende vita da piazzetta Marco Biagi (angolo via dell'Inferno) e si dipana per le stradine, i vicoli, e i portici del Ghetto ebraico, passando all'ombra rassicurante delle due Torri più famose della città, Asinelli e Garisenda, e terminando i suoi racconti in cima alla Torre delle Perle, custodita nel cuore di Bologna, proprio a due passi dalle “sorelle maggiori” in Piazza della Mercanzia. Ci racconterà del mondo dei filatoi e dei torcitoi da seta, di un medioevo dove le vie d'acqua producevano la ricchezza che consentiva la costruzione di torri e portici.

ore 19.00

Visita guidata al Sostegno del Battiferro e alla mostra fotografica sui sostegni del Navile (Sostegno del Battiferro)

Ritrovo: Battiferro, via della Beverara 123/a (vicino al Museo del Patrimonio Industriale, con ampio parcheggio gratuito)
Ingresso gratuito, consumazione obbligatoria

L'isola galleggiante del Battiferro ospita una mostra fotografica che racconta la “Storia dei Sostegni del Navile” con immagini preziose recuperate negli anni dall’esperto di storia del Navile e collezionista Stefano Gardini. I sostegni sono stati degli importanti sistemi idraulici, che consentivano alle imbarcazioni provenienti dal mare di superare i grandi dislivelli sul Canale Navile e giungere fino a Bologna. Durante la visita al Sostegno del Battiferro si farà riferimento anche allo stabilimento idroelettrico nel quale è stata demolita recentemente la ciminiera. Visita adatta a quanti volessero conoscere la storia della navigazione bolognese. 

ore 19.00

Stregati dall'acqua al chiaro di luna (Parco di Villa Angeletti)

Ritrovo: Parco di Villa Angeletti, al monumento della formica (ingresso da via de' Carracci 73)

Contributo a persona: € 12,00
Spettacolo itinerante con musica dal vivo all'interno del parco di Villa Angeletti che ci porterà sulle sponde del canale Navile alla ricerca delle Burde, le streghe d'acqua. Durante lo spettacolo, adatto a tutti, si incontreranno inquietanti personaggi che popolano silenziosamente le acque bolognesi e che solo in alcune notti irrompono con prepotenza nel mondo dei vivi. Coglieremo alcuni dettagli di un malefico incantesimo, quello ordito per separare la bella lavandaia Desolina dal barcaiolo Gutturio che naviga i canali bolognesi da secoli e secoli...

ore 19,30 

Proiezione del documentario Âcua e visita alla mostra AQVARCANA (Sostegno del Battiferro)

Ritrovo: Sostegno del Battiferro, via della Beverara 123/a (vicino al Museo del Patrimonio Industriale, con ampio parcheggio gratuito) 

Ingresso gratuito, consumazione obbligatoria
Proiezione del documentario Âcua, che ci racconta Bologna città d'acqua. Il video, realizzato dall'Associazione Clipscorner.net e distribuito in collaborazione con Vitruvio, ci spiega come nel corso dei secoli Bologna si sia trasformata da città d'acqua in città "di terra". "Il viaggio nel tempo alla ricerca del passato di Bologna parte dai suoi sotterranei e si perde nella fitta rete di canali che una volta facevano di questa città una sorprendente piccola Venezia"... Con, tra gli altri, Loriano Macchiavelli, Fausto Carpani, Piero Bottino, Gabriele Bernardi, ecc...

 

Inoltre, con l'occasione, sarà possibile visitare la mostra fotografica AQVARCANA  del fotografo Filippo Lenzi, dedicata alle vie d'acqua sotterranee realizzata in collaborazione con Orea Malia' e l'Associazione Vitruvio. Le immagini che ritraggono una magica e misteriosa Bologna acquatica e sotterranea hanno stregato i critici statunitensi, tanto da valerne l'inserimento nell'esibizione “ The Story of the Creativity”  a New York.

 

ore 20.00

Visita guidata al Sostegno del Battiferro e alla mostra fotografica sui sostegni del Navile (Sostegno del Battiferro)

Ritrovo: Sostegno del Battiferro, via della Beverara 123/a (vicino al Museo del Patrimonio Industriale, con ampio parcheggio gratuito)
Ingresso gratuito, consumazione obbligatoria
L'isola galleggiante del Battiferro ospita una mostra fotografica che racconta la “Storia dei Sostegni del Navile” con immagini preziose recuperate negli anni dall’esperto di storia del Navile e collezionista Stefano Gardini. I sostegni sono stati degli importanti sistemi idraulici, che consentivano alle imbarcazioni provenienti dal mare di superare i grandi dislivelli sul Canale Navile e giungere fino a Bologna. Durante la visita al Sostegno del Battiferro si farà riferimento anche allo stabilimento idroelettrico nel quale è stata demolita recentemente la ciminiera. Visita adatta a quanti volessero conoscere la storia della navigazione bolognese.

 

ore 20.30

Proiezione del documentario Âcua e visita alla mostra AQVARCANA (Sostegno del Battiferro)

Ritrovo: Sostegno del Battiferro, via della Beverara 123/a (vicino al Museo del Patrimonio Industriale, con ampio parcheggio gratuito) 
Ingresso gratuito, consumazione obbligatoria
Proiezione del documentario Âcua, che ci racconta Bologna città d'acqua. Il video, realizzato dall'Associazione Clipscorner.net e distribuito in collaborazione con Vitruvio, ci spiega come nel corso dei secoli Bologna si sia trasformata da città d'acqua in città "di terra". "Il viaggio nel tempo alla ricerca del passato di Bologna parte dai suoi sotterranei e si perde nella fitta rete di canali che una volta facevano di questa città una sorprendente piccola Venezia"... Con, tra gli altri, Loriano Macchiavelli, Fausto Carpani, Piero Bottino, Gabriele Bernardi, ecc...

Inoltre, con l'occasione, sarà possibile visitare la mostra fotografica AQVARCANA  del fotografo Filippo Lenzi, dedicata alle vie d'acqua sotterranee realizzata in collaborazione con Orea Malia' e l'Associazione Vitruvio. Le immagini che ritraggono una magica e misteriosa Bologna acquatica e sotterranea hanno stregato i critici statunitensi, tanto da valerne l'inserimento nell'esibizione “ The Story of the Creativity”  a New York.

ore 21.00

Stregati dall'acqua al chiaro di luna (Parco di Villa Angeletti)

Ritrovo: Parco di Villa Angeletti, al monumento della formica (ingresso da via de' Carracci 73)

Contributo a persona: € 12,00
Spettacolo con musica dal vivo all'interno del parco di Villa Angeletti che ci porterà sulle sponde del canale Navile alla ricerca delle Burde, le streghe d'acqua. Durante la passeggiata, adatta a tutti, si incontreranno inquietanti personaggi che popolano di solito silenziosamente le acque bolognesi e che solo in alcune notti irrompono con prepotenza nel mondo dei vivi. Coglieremo alcuni dettagli di un malefico incantesimo, quello ordito per separare la bella lavandaia Desolina dal barcaiolo Gutturio che naviga i canali bolognesi da secoli e secoli...

ore 21.00 

Dammi il tiro dalla torre (Piazzetta Biagi, palazzo della Mercanzia)

Ritrovo: Piazzetta Marco Biagi, angolo via dell'Inferno.
Contributo a persona: € 12,00 ridotto € 8,00 (per bambini sotto i 12 anni).
La zdàura Onorina Pirazzoli, insieme ad una nostra guida, invita il pubblico a prendere parte a un viaggio ideale nella storia popolare di Bologna. La visita-spettacolo itinerante prende vita da piazzetta Marco Biagi (angolo via dell'Inferno) e si dipana per le stradine, i vicoli, e i portici del Ghetto ebraico, passando all'ombra rassicurante delle due Torri più famose della città, Asinelli e Garisenda, e terminando i suoi racconti in cima alla Torre delle Perle, custodita nel cuore di Bologna, proprio a due passi dalle “sorelle maggiori” in Piazza della Mercanzia. Ci racconterà del mondo dei filatoi e dei torcitoi da seta, di un medioevo dove le vie d'acqua producevano la ricchezza che consentiva la costruzione di torri e portici.

ore 21,30

Osteria del Battiferro - I racconti del tavolo (Sostegno del Battiferro)

Ritrovo: Sostegno del Battiferro, via della Beverara 123/a (vicino al Museo del Patrimonio Industriale, con ampio parcheggio gratuito)
Ingresso libero, con consumazione obbligatoria

Spettacolo con Eugenio Maria Bortolini – Lorenzo Ansaloni – Clio Abbate
Uno spettacolo che ci porta a esplorare il mondo delle osterie che sono nate lungo il Navile intorno al 1300. E l’osteria, proprio in quanto osteria, è sempre stata un mondo a parte! Attorno ai suoi tavoli, nel corso del tempo, si sono sedute migliaia di persone che hanno raccontato migliaia di storie: leggende, verità, aneddoti, spacconate, fantasie. Molte sono state dimenticate, altre sono entrare nella storia. Questo spettacolo ha 4 protagonisti: 3 attori e un tavolo appunto.

Sarà proprio il tavolo di una di queste osterie che comincia a raccontare quello che ricorda; e così si alternano intorno a lui assurdi personaggi “da bar” che propongono le loro storie: amore, sesso, politica, risate, relazioni, intrighi, assurdità, barzellette, idiozie, drammi da pianerottolo, grandi enigmi, dubbi amletici o, semplicemente, chiacchiere libere per far passare il tempo di un caffè.
Uno spettacolo molto, ma molto divertente, ma anche strambo, surreale, quasi assurdo, come lo è appunto, a volte, chi si incontra appoggiato al bancone di un bar…

 

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.